Now Reading
Auto elettriche: UE indipendente dalle celle agli ioni di litio cinesi nel 2027, ma servono nuovi incentivi o l’Europa perderà la partita con gli USA
A Trento il Mercatino fa il botto 

Auto elettriche: UE indipendente dalle celle agli ioni di litio cinesi nel 2027, ma servono nuovi incentivi o l’Europa perderà la partita con gli USA

Nello spazio di cinque anni la sola produzione continentale sarà in grado di soddisfare l’intera domanda interna delle celle per le batterie agli ioni di litio. Ma le nuove agevolazioni approvate negli Stati Uniti rischiano di sottrarre parte della catena di fornitura. Veronica Aneris, (T&E Italia): “L’Europa garantisca maggiori risorse. Per l’Italia è urgente un piano per tutelare l’industria nazionale, il futuro dei posti di lavoro è nella mobilità elettrica”

Roma, 24 ottobre 2023 – Già nel 2027 l’Unione Europea potrà porre fine alla sua dipendenza dalla Cina nel comparto delle celle per le batterie agli ioni di litio usate nelle auto elettriche. Lo sostiene la nuova analisi di Transport & Environment (T&E) che sottolinea come la sola produzione continentale sarà sufficiente per soddisfare il 100% della domanda interna tra cinque anni. In assenza di un’iniziativa politica capace di controbilanciare gli incentivi al settore promossi dagli Stati Uniti, avverte tuttavia l’organizzazione, l’Europa rischia di perdere parte degli investimenti lungo la catena di fornitura dei veicoli puliti.

L’egemonia cinese dovrebbe avere termine anche per altri componenti delle batterie. Sempre nel 2027, infatti, due terzi della domanda europea dei catodi – che contengono le materie prime critiche (critical raw materials) – potranno essere coperti dalla produzione interna, a giudicare dai dati sui progetti previsti dalle aziende coinvolte tra cui quelli di Umicore (in Polonia), Northvolt (in Svezia) e BASF (in Germania). 

Il rischio, nota però T&E, è che le imprese possano scegliere di trasferire negli Stati Uniti le iniziative attualmente pianificate per l’Europa sulla spinta delle agevolazioni fiscali e degli altri sussidi previsti dal recente Inflation Reduction Act (IRA), la legge approvata da Washington per attrarre la produzione di tecnologie verdi e, con esse, di importanti quote della catena di fornitura degli accumulatori.

La dipendenza da Pechino è  destinata a ridursi drasticamente anche nella raffinazione e nella lavorazione dei metalli utilizzati nelle batterie. Secondo le previsioni di T&E, infatti, entro il 2030 oltre il 50% della domanda interna di litio raffinato potrà essere soddisfatta dai progetti continentali. L’approvvigionamento delle materie prime avverrà da miniere estere o europee, ammesso che vengano rispettati elevati standard ambientali e sociali, come previsto dallo EU Critical Raw Material Act attualmente in discussione a Bruxelles.

Già oggi metà delle celle per batterie agli ioni di litio utilizzate nell’UE è prodotta nel Continente”, dichiara Veronica Aneris, Direttrice di T&E Italia. “L’Inflation Reduction Act ha però cambiato le regole del gioco: per questo l’Europa deve garantire maggiori risorse se non vuole rischiare di perdere gli impianti produttivi già previsti e i relativi nuovi posti di lavoro a favore degli Stati Uniti. In questo quadro, per l’Italia è urgente sviluppare un piano atto a collocare la sua industria nazionale in una posizione strategica lungo la nuova catena del valore”.

Secondo T&E, l’UE dovrebbe dotarsi di un Fondo Sovrano Europeo per il sostegno alle tecnologie verdi da finanziare attraverso l’emissione comune di debito. In questo modo si garantirebbe una parità di condizioni per tutti gli Stati membri evitando che i Paesi che dispongono di risorse maggiori traggano vantaggio da queste ultime offrendo generosi aiuti pubblici alle loro aziende. Il Fondo, precisa l’organizzazione, dovrebbe offrire un supporto esclusivamente ai comparti produttivi verdi interessati dall’IRA statunitense, come i veicoli elettrici, le batterie e le energie rinnovabili.

A differenza dei finanziamenti previsti dal Next Generation EU, tuttavia, queste nuove risorse dovrebbero essere erogate direttamente alle imprese, velocizzando il processo di assorbimento dei fondi, risultato particolarmente lento nell’esecuzione del Recovery and Resilience Facility (RRF) europeo. La spesa prevista dal RRF stesso, peraltro, risulta anche priva di un orientamento strategico, senza contare che i fondi tardano spesso a raggiungere le aziende e non possono essere utilizzati come garanzie bancarie a differenza di ciò che avviene con i finanziamenti IRA negli Stati Uniti. Le norme UE in materia di aiuti di Stato, infine, devono essere semplificate consentendo ai progetti verdi di accedere ai fondi per aumentare i volumi di produzione come già avviene, anche in questo caso, negli USA.

Un Fondo Sovrano Europeo sarebbe in grado di sostenere una strategia industriale comune per tutti i Paesi del Continente, non solo i più ricchi“, conclude Veronica Aneris. “L’ESF però, non dovrà essere per l’Italia un’occasione persa in materia di mobilità elettrica come lo è stato il PNRR. I fondi dovranno essere indirizzati a quei settori strategici realmente capaci di salvaguardare il futuro dei posti di lavoro e la competitività industriale nazionale: veicoli elettrici, batterie ed energie rinnovabili. La nostra analisi dimostra che c’è ancora molto potenziale da catturare nella costruzione della nuova filiera automotive europea.”

Il rapporto completo:

See Also

A European Response to US Inflation Reduction Act

CHI SIAMO

T&E è un’organizzazione no-profit e politicamente indipendente con sede a Bruxelles, che da oltre 30 anni promuove la sostenibilità̀ del settore trasporti europeo attraverso un cambiamento delle politiche dell’UE e globali che regolano il settore trasporti. La visione di T&E è un sistema di mobilità a emissioni zero, accessibile a tutti, sicuro e con un impatto minimo sulla salute, sul clima e sull’ambiente. 

Fondata nel 1990, T&E rappresenta 63 organizzazioni di 26 Paesi in tutta Europa, principalmente gruppi ambientalisti che lavorano per politiche di trasporto sostenibile a livello nazionale, regionale e locale. Tutti insieme i membri e sostenitori di T&E rappresentano più di 3,5 milioni di persone. Il lavoro nazionale è ulteriormente supportato dalla rete di uffici nazionali nelle principali capitali europee: Madrid, Roma, Parigi, Berlino, Londra e Varsavia.  

Nel 2022,  T&E è stata eletta la miglior organizzazione non governativa di Bruxelles da Best in Brussels ed il  principale influencer dell’agenda green dell’Unione Europea nella classifica di Politico 2022. T&E crede nella trasparenza e ogni anno pubblica la lista dei propri finanziatori nel proprio rapporto annuale.

What's Your Reaction?
Excited
3
Happy
0
In Love
1
Not Sure
1
Silly
0

© 2021 Green Press Environmedia - Servizi Editoriali.
Martina Valentini p.iva 02089320515. Tutti i diritti riservati.

Scroll To Top