L’accoglienza è di casa a Trento. La Città del Natale pronta per il Ponte dell’Immacolata.

Previste presenze da record grazie ai molti appuntamenti in programma: da quelli di “Trento di Città del Natale” alla Fiera di Santa Lucia fino all’iconico Mercatino che il 21 dicembre arriverà in un’altra Rsa. Matteo Agnolin (Apt Trento): “Grazie al lavoro di coordinamento svolto in questi mesi, i turisti troveranno una città pulita, sicura e organizzata. La sfida è far coesistere l’anima moderna e quella legata alle tradizioni”. 

Read More

Paradice Music, il festival musicale più originale dell’inverno. Concerti in un teatro-igloo sul Presena. Con strumenti di ghiaccio.

Torna la rassegna che fa da prezioso corollario alla stagione invernale del comprensorio Pontedilegno-Tonale: dal 4 gennaio al 30 marzo 2024, tre mesi di concerti (35 in tutto) a 2.600 metri di quota con artisti di spicco, tra cui Morgan e Filippo Graziani, e gruppi locali. Un evento che unisce qualità artistica, gusto e responsabilità ambientale. Bertolini: “Esperienza unica. Con la musica possiamo sensibilizzare il pubblico sull’importanza dell’acqua come risorsa da tutelare”.

Read More

TUTTE LE NEWS

L’accoglienza è di casa a Trento. La Città del Natale pronta per il Ponte dell’Immacolata.

Previste presenze da record grazie ai molti appuntamenti in programma: da quelli di “Trento di Città del Natale” alla Fiera di Santa Lucia fino all’iconico Mercatino che il 21 dicembre arriverà in un’altra Rsa. Matteo Agnolin (Apt Trento): “Grazie al lavoro di coordinamento svolto in questi mesi, i turisti troveranno una città pulita, sicura e organizzata. La sfida è far coesistere l’anima moderna e quella legata alle tradizioni”. 

Paradice Music, il festival musicale più originale dell’inverno. Concerti in un teatro-igloo sul Presena. Con strumenti di ghiaccio.

Torna la rassegna che fa da prezioso corollario alla stagione invernale del comprensorio Pontedilegno-Tonale: dal 4 gennaio al 30 marzo 2024, tre mesi di concerti (35 in tutto) a 2.600 metri di quota con artisti di spicco, tra cui Morgan e Filippo Graziani, e gruppi locali. Un evento che unisce qualità artistica, gusto e responsabilità ambientale. Bertolini: “Esperienza unica. Con la musica possiamo sensibilizzare il pubblico sull’importanza dell’acqua come risorsa da tutelare”.

Caccia al tesoro, mercatini e magia del Natale. Miola è “il Paés dei Presepi”.

Per un mese, fino al 6 gennaio 2024, il piccolo borgo dell’Altopiano di Pinè si trasformerà in un’esposizione a cielo aperto di Natività (oltre un centinaio), celebrando una tradizione ventennale, corredata da giochi, animazioni e proposte eno-gastronomiche.

A Ossana i presepi sono arrivati (quasi) a quota 2000. E finiscono anche sui francobolli.

Inaugurata ieri pomeriggio la 24a edizione de “Il borgo dei 1000 presepi”. Fino al 7 gennaio, le natività sparse in tutto il paese e nel Castello di San Michele attireranno decine di migliaia di turisti. Svelato uno speciale annullo filatelico dedicato all’iniziativa. Per consentire raggiungere più comodamente Ossana, quest’anno verrà attivata la Navetta dei Presepi.

I MERCATINI DI NATALE ARRIVANO IN UNA RSA DI TRENTO

Lo spirito più autentico delle festività e il senso più profondo dell’essere comunità sono i valori essenziali del Mercatino di Natale che arriva domani alla residenza sanitaria assistenziale “Beato de Tschiderer”. Alla vigilia dell’anno che vedrà Trento Capitale Europea del Volontariato, la Città del Natale esprime amicizia e vicinanza alle persone anziane e fragili ospitate nelle strutture di accoglienza cittadine.

Il welfare di Sanifonds arriva in Regione e in Camera di Commercio.

Dal 1° gennaio 2024 i dipendenti della Regione Trentino Alto Adige e della Camera di Commercio di Trento avranno la copertura sanitaria integrativa.
Prevista anche una rendita di 12.000 euro annui per la non autosufficienza.

Featured Stories

l suolo italiano è malato. Ecco i numeri più preoccupanti che lo dimostrano.

Presentato a Roma il primo Rapporto sulla salute del suolo in Italia, realizzato da Re Soil Foundation in collaborazione con rappresentanti di Joint Research Center, Ispra, Crea e delle varie società del suolo. Quasi la metà del territorio presenta una o più forme di degrado. Non solo cementificazione, ma erosione, desertificazione, compattazione, contaminazione da metalli pesanti. Un danno enorme per le rese agricole, per i servizi ecosistemici, per il clima, la nostra salute e la nostra economia. A livello mondiale, entro 60 anni, potremmo perdere la totalità delle terre fertili.

Read More