Now Reading
Biorepack debutta a Ecomondo
Sfruttare il vento per surfare sulla neve

Biorepack debutta a Ecomondo

Dalla salute del suolo alla crescita dell’occupazione: le  bioplastiche italiane driver per il futuro del Paese

Il consorzio del riciclo degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile sarà presente a Rimini dal 26 al 29 ottobre. La raccolta differenziata e una corretta etichettatura delle bioplastiche generano importanti ricadute positive per l’ambiente, tutelando la salute del suolo e riducendo le emissioni di CO2. Ma ad emergere sono anche le opportunità economiche: il settore in Italia coinvolge 278 aziende per un fatturato complessivo di 815 milioni di euro. Il tasso di crescita annuale medio è superiore al 10%

Rimini, 25 ottobre 2021 – Promuovere il riciclo delle bioplastiche compostabili operando di concerto con tutti i soggetti coinvolti, dai cittadini ai Comuni alle società di servizi fino ai gestori degli impianti di trattamento. Una sinergia che genera benefici per l’ambiente, il clima e l’economia. È la missione di Biorepack, il consorzio fondato da sei tra i principali produttori e trasformatori di bioplastiche in Italia e che arricchirà l’ampia platea degli ospiti di Ecomondo, l’evento di riferimento in Europa per la transizione ecologica e i nuovi modelli di economia circolare e rigenerativa in programma a Rimini dal 26 al 29 ottobre prossimi.

“La partecipazione a questo evento rappresenta per noi un’occasione irrinunciabile per presentarci”, ha dichiarato il presidente di Biorepack, Marco Versari. “Vogliamo far conoscere il nostro lavoro e i nostri progetti a un pubblico vasto ed eterogeneo caratterizzato da una comune sensibilità nei confronti dei nuovi modelli di sviluppo sostenibile. Tra questi, la valorizzazione della frazione umida dei rifiuti e delle bioplastiche compostabili rappresenta una strategia essenziale per il mantenimento della salute del suolo, una risorsa, quest’ultima, gravemente minacciata da inquinamento, cambiamenti climatici e sfruttamento indiscriminato”. 

Istituito a Roma il 26 novembre 2018, Biorepack è il primo consorzio al mondo nel settore del riciclo degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile certificati UNI EN 13432, quelli cioè che possono essere riciclati assieme alla raccolta della frazione organica dei rifiuti e trasformati in compost dopo trattamento industriale. Il suo obiettivo è quello di consentire alla filiera delle bioplastiche la migliore gestione del riciclo organico promuovendo l’adeguato conferimento dei manufatti da parte dei cittadini nella raccolta differenziata dell’umido domestico e la loro corretta etichettatura e riconoscibilità. Il loro riciclo organico consente di creare un terriccio fertile utile per combattere la desertificazione e l’erosione del suoli e per ridurre le emissioni di gas serra, grazie alla maggiore capacità del terreno in salute di trattenere il carbonio.

Il sistema europeo di responsabilità estesa del produttore (EPR) promosso da Biorepack consente alle bioplastiche certificate di apportare un grande contributo su più livelli: 

  • i sacchetti consentono una raccolta efficiente e igienica del rifiuto umido, massimizzando i quantitativi recuperati; 
  • gli imballaggi per uso alimentare permettono di limitare la produzione di rifiuti indifferenziati poiché sono riciclabili direttamente con l’umido; 
  • la filiera economica infine crea sviluppo e occupazione in un Paese come l’Italia dove il settore appare estremamente dinamico. 

L’estrema dinamicità e i margini di crescita del settore bioplastiche sono stati certificati dai dati diffusi da Plastic Consult: nel 2020 si contavano in Italia 278 aziende del comparto, contro le 143 del 2012, suddivise in produttori di chimica e intermedi di base, produttori e distributori di granuli, operatori di prima trasformazione, operatori di seconda trasformazione. Nello spazio di otto anni il numero di dipendenti delle imprese del settore è passato da 1.280 a 2.775 mentre il fatturato totale è salito da 367 a 815 milioni di euro con un tasso di crescita media annuale superiore al 10%.

See Also

Negli ultimi anni, i Comuni italiani hanno intrapreso diverse iniziative volte a favorire il riciclo dei rifiuti. Ad affiancarli sono Anci e Conai, che mettono a disposizione delle amministrazioni risorse economiche e materiali di comunicazione. Proprio nei giorni scorsi, le due entità hanno firmato insieme a Biorepack un allegato tecnico che disciplina i criteri di raccolta, trasporto e trattamento di questi materiali insieme alla frazione umida urbana. 

“Il Consorzio, i Comuni e i soggetti da loro delegati si impegneranno nella promozione della gestione dei rifiuti di imballaggio in plastica biodegradabile e compostabile assieme all’umido urbano”, sottolinea Gino Schiona, direttore generale di Biorepack. “Gli obblighi riguardano anche la massimizzazione del successivo avvio a riciclo organico e la riduzione della presenza all’interno dell’umido urbano di matrici non compostabili. Queste ultime, infatti, penalizzano, e talvolta impediscono, il riciclo degli imballaggi compostabili, facendo aumentare i costi di trattamento a carico della collettività”. Sulla base dell’accordo, per i comuni e gli altri soggetti convenzionati, previste 4 fasce di corrispettivo economico: più sarà elevata la qualità della raccolta, maggiore sarà la cifra riconosciuta.

***BIOREPACK si colloca all’interno del sistema CONAI come consorzio di filiera per la gestione a fine vita degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile certificati UNI EN 13432, che possono essere riciclati con la raccolta della frazione organica dei rifiuti (art. 182 ter del TUA – d.lgs. n. 152/2006) e trasformati, con specifico trattamento industriale, in compost. È stato costituito a Roma il 26 novembre 2018 da 6 tra i principali produttori e trasformatori di bioplastiche e il suo statuto, redatto in conformità allo statuto tipo del Ministero dell’Ambiente vigente per i consorzi di filiera del CONAI, approvato il 16 ottobre 2020 con decreto del Ministro dell’Ambiente di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico.      

GreenPress per Biorepack

What's Your Reaction?
Excited
3
Happy
0
In Love
1
Not Sure
1
Silly
0

© 2021 Green Press Environmedia - Servizi Editoriali.
Martina Valentini p.iva 02089320515. Tutti i diritti riservati.

Scroll To Top